Tratto da “A Crìa da Cumpagnia Armasca” – n. 60 – III Trimestre 2019

U l’ajeva ina beréta
cun a viséa
tüta sbridelà.

U cicava
I fundi du tuscan
seghitàndu a mastegà.

Ma cande u caru,
u passava vèxin
a in’usteia:
u tiava a martinica,
u dava ina pata
scià schéna du cavalu,
u spüava in tèra
ascì a cica du tuscan.       

U entrava a bevissené in gôtu
dopu avesse
sciügau e lèrfe
cu-u parmu da man.

L. M.

Aveva un berretto
con la visiera
tutta a brandelli.

Ciccava
i fondi del (sigaro) toscano
continuando a masticare.

Ma quando il carro,
passava vicino
a una osteria:
Tirava la martinicca,
dava una pacca
sulla schiena del cavallo,
sputava in terra
anche la cicca del toscano.

Entrava a bersene un bicchiere
dopo aversi
asciugato le labbra
con il palmo della mano.

L.M.     


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *